Un dito nel ragù!

scritto da tommaso raiola il 25 gennaio 2005 Commenti 0 Leggende del quotidiano

Mi è venuta in mente un'altra leggenducola che continua a saltare fuori con cadenza quasi ciclica. Dovete sapere che io abito in un paese nei pressi di Pompei, nel quale è fiorente l'industria conserviera alimentare (pomodori, frutta, ecc.) con prodotti esportati anche all'estero.
Circola da anni la seguente leggenda, finita, a memoria del sottoscritto, anche su qualche settimanale locale:

Una signora,dopo aver aperto una scatola di pelati di una nota ditta locale per preparare un ragù, la versa in una pentola e si allontana.
Dopo poco, nota qualcosa di strano: c'è un oggetto che ballonzola sulla salsa in ebollizione. Spegne i fornelli, e, con un mestolo, cerca di recuperare l'oggetto che crede essere un pezzo di sughero, o qualcosa del genere.
In realtà era ben altro: si trattava di un dito umano, probabilmente appartenente ad un operaio e finito nella lattina perché tranciato da una macchina.

Esistono anche varianti minime della storia: a volte ad aprire la scatola è una bambina,altre volte la signora riceve una telefonata che le comunica un infortunio sul lavoro del marito( che guarda caso lavora nella stessa fabbrica "incriminata") e poi apre la lattina. Credo sia stata messa in giro dai lavoratori stagionali di queste fabbriche in segno di "protesta" contro le scadenti norme di sicurezza

Commenti

Commenti chiusi
Seguici via RSS


RecentComments

Ultimi Commenti
Comment RSS
Login
Accedi
 
 
Log in